Se mi dicessero che posso scrivere un libro in cui mi sarà dato di dimostrare per vero il mio punto di vista su tutti i problemi sociali, non perderei un’ora per un’opera del genere. Ma se mi dicessero che quello che scrivo sarà letto tra vent’anni da quelli che ora sono bambini, e che essi rideranno, piangeranno e s’innamoreranno della vita sulle mie pagine, allora dedicherei a quest’opera tutte le mie forze. (L.Tolstoj, Lettere)

Il mio bambino, lo amo!

Il “No” di una voce che canta contro l'aborto è tassativo: "...e lui non sa che tu vuoi buttarlo via... il figlio che non vuoi è già con noi".

Sono forti le parole di questo testo che descrive la sensazione di un ragazzo che sta diventando padre, che ha questa voglia di proteggere il bambino che ha concepito: “Risalirò col suo peso sul petto come una carpa il fiume... mi spalmerò sulla faccia il rossetto per farlo ridere” Quando nasce un bimbo si fa di tutto per farlo ridere anche con cose un po' sceme.

Lui vive in te è il titolo della canzone scritta da Nek contro l'aborto e uscita nell'ormai lontano 1993, a Sanremo; non l'avevo mai sentita!

Nel suo testo fa trasparire il bello del bambino che beve dal seno materno...quel calore che da un batuffolo così piccolo può scaturire e l'amore che può avere un padre dal momento in cui scopre di aver concepito un figlio! No all'aborto..."LUI VIVE IN TE".

Ma non voglio aggiungere altro a queste belle parole! Ecco il testo e qualche immagine, perché l'occhio vuole sempre la sua parte. In silenzio vi auguro un buon ascolto!

Nessun commento:

Posta un commento