Se mi dicessero che posso scrivere un libro in cui mi sarà dato di dimostrare per vero il mio punto di vista su tutti i problemi sociali, non perderei un’ora per un’opera del genere. Ma se mi dicessero che quello che scrivo sarà letto tra vent’anni da quelli che ora sono bambini, e che essi rideranno, piangeranno e s’innamoreranno della vita sulle mie pagine, allora dedicherei a quest’opera tutte le mie forze. (L.Tolstoj, Lettere)

Porre fine alla gravidanza è un problema personale e sociale.

Propongo un video sulla risposta della deputata Beatriz Escudero all'interpellanza presentata dal Gruppo Socialista al Governo spagnolo sull'ipotesi di riforma della legislazione sull'aborto del 2010.


"Signori: basta parlare di arretratezza, voi veramente pensate che una società che voglia difendere il diritto di tutti sia una società arretrata? Il diritto alla vita, signori, è il principale dei nostri diritti.Non avremmo diritto alla libertà di espressione , nè diritto alla libertà sessuale, nè diritto di poter decidere del nostro corpo, se non avessimo quel diritto fondamentale, quel valore supremo che è diritto alla vita. I Diritti possono essere difesi solo a partire dalla verità".
Ancora aggiunge: "Come potete spiegare alla società spagnola che difendete gli embrioni dei polipi e dei calamari, delle mucche e dei cavalli, perchè sapete che soffrono?"


Vale la pena dedicare otto minuti per vederlo, e altrettanti per condividerlo e farlo girare su internet, suggerendolo agli amici.


1. È un tentativo di riconsiderare quelli che ormai sono tabù intoccabili del ’68. Da allora, la legislazione (e la società) occidentale hanno preso una china inarrestabile: divorzio, aborto, eutanasia, coppie di fatto, droga. La direzione si può e si deve cambiare, poco a poco, con preparazione e coraggio.


2. E’ un esempio di buona comunicazione: contenuti, ironia, testa alta. Apprezzo soprattutto l’incipit, in cui la deputata ribalta la situazione rispetto a come la presentano i giornaloni: non è reazionario chi difende la vita, bensì chi si ostina a rimanere al ’68; non è retrogrado chi vuole costruire una società giusta, umana, bella, bensì chi la vuole distruggere.


Vale veramente la pena, è molto incisivo.

Buona visione.



(Per vedere i sottotitoli in italiano, una volta messo play,
cliccare sull'icona cerchiata in rosso).
       
                             

Pubblicato su Cogitoetvolo
Ripreso da Giovani pro life

Nessun commento:

Posta un commento