Se mi dicessero che posso scrivere un libro in cui mi sarà dato di dimostrare per vero il mio punto di vista su tutti i problemi sociali, non perderei un’ora per un’opera del genere. Ma se mi dicessero che quello che scrivo sarà letto tra vent’anni da quelli che ora sono bambini, e che essi rideranno, piangeranno e s’innamoreranno della vita sulle mie pagine, allora dedicherei a quest’opera tutte le mie forze. (L.Tolstoj, Lettere)

L'attesa

In verità siamo tutti in attesa (Cesare Pavese).
Questo è il Sabato Santo: giorno di solitudine e attesa.
Ma siamo tutti inquieti, chi seduto e chi disteso, qualcuno contorto, e dentro di noi c’è un vuoto, un’attesa che ci fa trasalire la pelle nuda. Così finisce il racconto di Pavese. L’attesa è dentro ciascun essere umano. Potremo forse far finta di nulla ma l’unica cosa che vogliamo sapere è se quell’uomo è risorto e quella resurrezione c’entra con me ora, in questo istante.
Ora in silenzio attendiamo!

Nessun commento:

Posta un commento